Il cambiamento

Il mio malessere mi ha accompagnato un arco di tempo lungo 22 anni. Da bambino avevo il soffio al cuore, da adulto aritmia con battiti irregolari, il cuore talvolta lo sentivo battere così forte alla gola che avevo paura di morire. Da 2 a 3 volte all’anno mi perseguitava l’influenza, i medici mi prescrivevano antibiotici e paracetamolo, con l’aumento di frequenza e intensità delle influenze, anche il dosaggio di paracetamolo aumentava e come controindicazione avevo dei sanguinamenti nelle feci.

La mia pelle e in particolare la schiena era ricoperta di grossi foruncoli a volte con pus. Le narici erano spesso ostruite, durante il giorno dovevo sputare del muco che si accumulava in gola e nei bronchi. Dopo mangiato spesso ruttavo per lungo tempo e a volte l’acidità di stomaco arrivava fino alla gola. La notte russavo e avevo delle sudorazioni eccessive, così forti che il pigiama era inzuppato di sudore.

La mia schiena oltre ad avere una costocondrite, soffrivo da 8 anni consecutivi di mal di schiena cronico, il dolore era così forte che non riuscivo a mettermi comodo nel letto o rimanere seduto, i medici diversi specialisti mi hanno fatto fare tutte le cure e trattamenti possibili immaginabili, alcune mi portavano ad un sollievo temporaneo, ma mai il dolore scompariva completamente.

Ho subito un operazione all’alluce, la rimozione di un ganglio, ed ogni volta che cambiava il tempo o salivo su una scaletta provavo dolore. Feci anche un incidente in bicicletta, andai a sbattere con la testa in piena corsa su un camion, oltre alle stelle, dolori, giramento di testa, ho subito un schiacciamento discale, sulla cervicale in poco tempo si formò un ispessimento grande come una palla di golf schiacciata, ho sofferto parecchi anni, specialmente quando facevo degli sforzi o giravo la testa verso sinistra.

Anche l’inizio di artrite si verificò alla mia spalla destra, cosiccome l’usurazione di giunture e spina dorsale, causa gli sforzi dovuti all’attività. All’età di 30 anni ero scontento e frustrato della mia situazione fisica ed emotiva, anche la vita di coppia mi faceva soffrire, spesso mi chiedevo dove è rimasta la mia energia e perchè soffrivo di stanchezza cronica?

All’età di 35 anni dopo che ho lasciato moglie e casa, undici mesi più tardi, è entrata nella mia vita la donna che ha cambiato in tutti i sensi la mia vita. Ben presto ho abbandonato l’attività di fabbro ferraio, il lavoro di seguito sedentario, mi procurò dei chili di troppo, la mia vita emotiva era in fase di miglioramento, ma il mio malessere fisico peggiorava di volta in volta, fino al punto che non volli più soffrire, ero su una svolta, dovevo e volevo assolutamente cambiare qualcosa.

Nel 1999 mi ritrovai a leggere un libro “Der grosse Gesundheits Konz” (Il grande libro della salute di Konz) che mi convinse di cambiare radicalmente e permanentemente il mio stile di vita e l’alimentazione. Non solo io ma anche Karen, ci inoltrammo in questa “avventura” e iniziammo da subito a mettere in pratica ciò che era descritto in quel libro.

Dopo due settimane di digiuno, per disintossicare l’organismo, la nostra alimentazione seguente era fatta solo ed esclusivamente da cibi vitali, naturali e crudi. Quello che successe durante e dopo i primi 6 mesi di cambiamento non riuscimmo a capire e nemmeno a credere. In questo periodo sia io che Karen provammo un benessere mai più avuto da parecchi anni, ci sembrava di essere ringiovaniti di 15-20 anni.

Ma la cosa straordinaria era che tutte, dico tutte, le malattie, gli acciacchi e i dolori che ci perseguitavano da anni, erano spariti nel nulla, e per sempre. Per noi questa esperienza è stata miracolosa!!!

Il nuovo benessere e consapevolezza acquisita, diventò la via e fonte della mia/nostra auto-realizzazione ed indipendenza fisica ed economica.

Ed eccomi, sono qui, prenota una prima consulenza gratuita.

Una cosa è molto importante: io non sono un medico, la mia conoscenza include la natura e i poteri curativi del corpo e anima, nessuna medicina !! Vedo l’umano „olisticamente“, come corpo, mente e anima.

Sono lieto di conoscerti.

Alberto Berti